Orbita funzionale stomaco e medicina biologica

Medicina biologica e  orbita funzionale stomaco

L’ orbita funzionale stomaco nella medicina biologica è un termine dissimile e non coincidente con la definizione di stomaco organo. L’ orbita funzionale secondo la medicina biologica è un insieme di tessuti, funzioni emozioni e qualità connesse a un senso biologico da loro applicato. Si evince la necessità di definire precisamente la singola orbita funzionale anche nell’intento descrivere il senso altrimenti invisibile. Sopratutto occorre evidenziare le differenze significative che intercorrono tra orbita funzionale e gli organo che portano lo stesso nome. Nella medicina biologica l’ orbita funzionale stomaco è associata insieme alla orbita milza pancreas ad un unica fase evolutiva nella quale prevalgono le qualificazioni biologiche osservate da due lati polari e complementari.  Leggi tutto.

Riflessione equilibrata, normoriflessione e medicina biologica

Riflessione, normoriflessione e  medicina biologica

La riflessione equilibrata o normoriflessione è per la medicina biologica l’espressione armonica, efficiente e produttiva del campo emozionale in oggetto. La riflessione equilibrata o normoriflessione come termine tecnico induce erroneamente a pensare a una facoltà cognitiva. Il campo emozionale riflessione invece rappresenta una capacità di integrare e bilanciare vissuti emozionali anche intensi. La normoriflessione è di notevole importanza per l’equilibrio emotivo. Le esperienze dolorose sono elaborate dalla normoriflessione. La prima reazione emotiva da un evento spiacevole è l’escursione emotiva attraverso tutti i quindici i campi emozionali scegliendone successivamente uno che diverrà prevalente. Quest’ultimo diventa centrale una volta terminata l’espressione anche energica del campo emozionale prevalente. In questa fase dell’elaborazione emozionale avviene la riconquista di punto di equilibrio. Questa riconquista non è la ripetizione dello status precedente l’evento traumatizzante e doloroso. Ogni volta che la normo riflessione centra campi emozionali anche estremi, l’uomo conquista una capacità emotiva maggiore. L’esperienza di campi emozionali anche estremi induce la necessità di una successiva integrazione. Da questo processo dipende la completa maturazione emotiva del singolo individuo.  Leggi tutto.

Campi emozionali e medicina biologica

Campi emozionali e medicina biologica

I campi emozionali della medicina biologica sono utili a  comprendere l’ interazione tra lesione tissulare alla sofferenza psichica. La malattia è una risposta biologica a un conflitto non derogabile nella quale sono implicati i campi emozionali. Si tratta di una modalità per la quale la necessità di sopravvivere procede evolvendo nuove capacità e maggiore consapevolezza. La vita umana è un composto di sostanza corporale, emozionale e spirituale. Pertanto per la medicina biologica la malattia deve necessariamente costituire una soluzione biologica oltre a rappresentare un processo somatico. Le emozioni sono il campo nel quale i profondi legami tra modo e senso della malattia si manifestano.   Leggi tutto.